Al momento stai visualizzando Muffa, un problema risolvibile?…SI!

Muffa, un problema risolvibile?…SI!

Caro lettore, grazie per essere arrivato sul nostro Blog.

Questo blog è stato creato per informare e completare le conoscenze dell’utente su svariati temi. È nostra intenzione iniziare a presentarvi, a scadenze regolari, una serie di interessanti articoli su argomenti legati al benessere, alla casa, al design, alla creatività, al risanamento, al risparmio energetico e all’edilizia in generale.

Come primo tema vogliamo concentrarci sull’annoso problema, che viene riscontrato troppo spesso nei locali che visitiamo, ovvero quello della muffa presente negli spazi abitativi e lavorativi.

Buona lettura e lasciate i vostri commenti.

Marzo 2021 – articolo n. 01 (tempo di lettura 04.30 min.)

L’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ritiene che una casa su cinque o addirittura una su quattro abbia problemi di umidità e muffa. Le più colpite sono le abitazioni vecchie e prive di un buon isolamento. Questo fenomeno è dovuto alla combinazione tra superfici fredde delle pareti e aria umida negli ambienti interni. La causa quindi non sempre è riconducibile a un locale male arieggiato. Particolarmente a rischio sono gli angoli delle pareti rivolte a nord, forse posizionate sopra ad un locale freddo o non riscaldato. Allo stesso tempo si perde anche quella superficie più fredda su cui prima la condensa formata dall’aria interna umida poteva depositarsi senza problemi. Sui punti freddi delle pareti, soprattutto nei mesi invernali, la muffa d’un tratto trova anche una fonte di nutrimento organico, come carta da parati, intonaco o pittura.

Una corretta e regolare ventilazione è già una soluzione preventiva adeguata!

Più aspetti e più il costo di un risanamento aumenterà

Spesso tutto inizia con delle macchie scure. A poco a poco si diffondono, diventando bianche, verdi o nere. La Confederazione mette in guardia dai crescenti rischi per la salute dovuti alla formazione di muffa nelle abitazioni. Oltre a frequenti irritazioni degli occhi, della pelle e delle vie respiratorie, talvolta compaiono anche forme allergiche. Nel tempo l’irritazione delle vie respiratorie può evolvere in bronchite cronica (tosse) e asma, scrive l’UFSP nel suo opuscolo «Muffa nelle abitazioni». Le persone più a rischio sono gli allergici e gli immunodepressi. Per la maggior parte delle persone senza problemi di salute una piccola formazione di muffa di solito non è pericolosa. Tuttavia, consiglia di richiedere l’intervento di un professionista non appena l’area con la muffa supera le dimensioni del palmo di una mano. Più si aspetta a intervenire, più il risanamento muffe diventa costoso.

Se le pareti vengono ulteriormente isolate, il rischio che la muffa si riformi diminuisce enormemente

Il risanamento migliore è quello energetico. Se le pareti vengono ulteriormente isolate, il rischio che la muffa si riformi diminuisce enormemente.

Noi ci affidiamo all’azienda Svizzera KORFF AG, esperta in isolazioni termiche anti muffa con i suoi pannelli Superwand DS, facili da posare e garantiti al 100% contro la riformazione della muffa. Per una soluzione più economica disponiamo di apposite vernici resistente ai batteri e alle muffe per qualsiasi locale abitativo e non. 

Abbiamo attirato la vostra attenzione?

Se siete proprietari di casa e avete riscontrato questo problema, i nostri tecnici sono pronti a fornirvi tutte le informazioni del caso e proporvi la migliore soluzione. Richiedi subito un appuntamento!

Fonte: UFSP (Ufficio federale della sanità pubblica)

Problemi di umidità e muffa

Nei locali abitativi, la formazione di muffa è frequente e può danneggiare la salute. Eliminare rapidamente la muffa va bene, ma non basta: devono essere sempre individuate e rimosse le cause del problema di umidità.

Effetti sulla salute

I rischi per la salute sono proporzionali all’estensione delle formazioni di muffa e comprendono frequenti irritazioni degli occhi, della pelle e delle vie respiratorie, nonché allergie. Con il tempo, le irritazioni delle vie respiratorie possono provocare una bronchite cronica (tosse) e l’asma. A causa del loro odore penetrante, i funghi della muffa possono pure pregiudicare il benessere degli abitanti. Inoltre, e non per ultimo, sono sospettati di veicolare raffreddori. Per le persone affette da determinate malattie specifiche, quali la fibrosi cistica o l’asma cronica, e quelle immunodepresse (che hanno subito un trapianto o che sono malate di Aids o di cancro), il rischio è molto elevato.

L’umidità e la muffa possono danneggiare edifici e arredamenti interni. Non solo possono causare rapidamente gravi danni agli edifici e rendere necessari costosi interventi di risanamento, ma anche provocare danni difficilmente risanabili che pregiudicano il valore di un immobile.

Il modo giusto di procedere

La pubblicazione «Attenzione muffa» è stata realizzata dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) in collaborazione con l’Associazione Svizzera Inquilini (ASI), l’Associazione Svizzera dei Proprietari Fondiari (APF) e l’Associazione svizzera dell’economia immobiliare (SVIT). Queste linee guida sono destinate alle persone con funzioni decisionali e consultive, nonché a quelle particolarmente interessate. Attualmente si sta elaborando un volantino destinato al vasto pubblico. Entrambe le pubblicazioni trattano gli effetti dell’umidità e della muffa sulla salute e rispondono a domande quali: Qual è la procedura che deve seguire l’inquilino o il proprietario in caso di formazione di muffa? La presenza di muffa nel proprio appartamento è da considerare una bagatella o un problema serio? A cosa bisogna prestare attenzione per un risanamento eseguito a regola d’arte? Come è possibile evitare la formazione di umidità e muffa in futuro?

Il risanamento corretto

La muffa nei locali abitativi e di soggiorno va eliminata rapidamente e correttamente per motivi di ordine sanitario. Affinché nessuno corra rischi, i risanamenti volti a eliminare problemi di umidità e muffa devono essere effettuati conformemente ai promemoria dell’Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni (Suva) e dell’Associazione svizzera imprenditori pittori e gessatori (ASIPG).

Inutili le misurazioni della muffa

A volte vengono promosse – anche da riviste per consumatori – azioni di misurazione con l’intento di rilevare la muffa nascosta e di informare sui possibili rischi per la salute. Secondo lo stato attuale delle conoscenze scientifiche non esiste tuttavia un metodo di misurazione affidabile che permetta di rilevare le formazioni di muffa nascoste

Di seguito potete scaricare le pubblicazioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) concernente questa tematica:

Muffa nelle abitazioni

Attenzione muffa

Lascia un commento

*

code